Sei qui
"Obiettivo pesoforma, perdere peso con naturalezza", intervista alla Dott. Sophie Ott Benessere 

“Obiettivo pesoforma, perdere peso con naturalezza”, intervista alla Dott. Sophie Ott

Un modo diverso, più naturale, di affrontare la sfida del recupero di una condizione di benessere legata alla perdita di peso. Abbiamo chiesto alla Dott. Ott, esperta di medicina complementare e Biopsicogenealogia, di anticiparci qualcosa del seminario.

Come mai ci sono delle persone naturalmente snelle e delle altre che sembrano programmate per essere sovrappeso?

Il nostro corpo ha la capacità naturale di regolare il proprio metabolismo e il proprio peso
Ci sono dei programmi mentali, emozionali e biologici che impediscono al corpo di esprimere questo potenziale di salute e di snellezza.

Prima o in contemporaneo al diventare snelli fisicamente, c’è da recuperare il nostro essere una persona snella dentro.

Solo questo cambiamento interiore è la garanzia di un successo totale e di risultati definitivi.

Sei medico, aiuti le persone a riconnettersi al proprio potenziale di salute e di benessere. In questa occasione, nel seminario Obbiettivo pesoforma, hai messo il focus sul pesoforma. Perché questo tema? 

Vedo tante persone maltrattarsi per dimagrire o mantenere il proprio pesoforma, al punto avvolte di mettere a rischio la loro salute. Nella nostra società il sovrappeso è spesso vissuto male, le persone si ritrovano con un cattivo rapporto col proprio corpo, e una diffidenza verso se stessi perché non riescono a ottenere i risultati che desiderano. Si entra in un vortice incredibile di privazione, frustrazione, colpa, rabbia, svalutazione!

È importante per me proporre un alternativa.

È un tema che mi coinvolge: In seguito ad un corso di questo genere nel 98 mi sono sbarazzata di una ventina di chili in un anno senza fare diete, poi scoprendo ancora altri programmi mi sono progressivamente liberata di un’altra decina di chili. Il tutto con naturalezza, rispetto totale del mio corpo, della mia salute, della mia identità, recuperando anche una relazione sana e equilibrata col cibo. Quante volte mangiamo senza vera fame?

Ci puoi dire qualcosa di più sul seminario?

Nel seminario “obbiettivo pesoforma” ho radunato tutto quello ha funzionato per me, i miei pazienti e i partecipanti ai miei seminari, per dare la stessa opportunità alle persone di raggiungere il loro pesoforma.
Il mio approccio è sempre basato su un fondamento: la competenza del corpo.

Anche sul tema del sovrappeso, propongo di avvicinare e risolvere la situazione in un altro modo. La via è quella della riconciliazione con noi stessi a tutti i livelli (corporeo, emozionale, mentale,…) e della collaborazione tra mente e corpo.

Quello che osservo spesso è un combattimento fra la mente che vuole il dimagrimento per un corpo snello e il corpo che resiste a questo cambiamento. Allora ci vuole una volontà enorme per vincere, è una via di fatica, di frustrazione con dei risultati spesso effimeri. Perché? Non si può fare prova di forza di volontà e combattere sempre. Arriva il momento in cui la volontà calla, siamo stanchi di combattere contro noi stessi e è il momento in cui il corpo prende il sopravvento e recupera rapidamente e senza nessuno sforzo tutti i chili persi con tanta fatica…

Se partiamo dal principio che il corpo è competente e che se siamo in sovrappeso è perché lo vuole perché è utile per me. Prendo allora il tempo di capire perché è utile per lui e faccio in modo che non lo sia più, lavorando sulle radici del problema.

Come si può pensare che la mia volontà con il suo obbiettivo di bellezza fisica, di corrispondenza a canoni esterni culturali possa vincere sul corpo che lui ha spesso degli obbiettivi di protezione e sopravvivenza!

Per esempio, se nella mia vita ogni volta che ho visto dimagrire delle persone in modo spontaneo era perché erano malate e addirittura in seguito sono morte: pensate veramente che il mio corpo mi lascerà mettermi su questa strada del dimagrimento spontaneo? Devo prima liberare l’associazione dimagrimento/malattia/morte.

Questo è solo uno degli numerosi esempi per i quali il corpo per il nostro bene, può resistere al dimagrimento.

Il seminario ha questo obbiettivo: dà l’opportunità di sciogliere i blocchi che impediscono di dimagrire e mantenere il proprio pesoforma in modo naturale e spontaneo.

Perché un seminario e non delle sedute individuali?

Prima di tutto, l’energia del gruppo sostiene e potenzializza il lavoro personale. Secondo, perché il lavoro che facciamo durante questi 2 giorni equivale a più di 10 sedute individuali. Dunque il percorso diventa decisamente più conveniente al livello economico. Il percorso diventa anche accessibile alle persone di tutt’Italia. C’è anche un prezzo super scontato per chi si iscrive in anticipo al seminario.

Dici che è tutt’una questione mentale?

La nostra mente è programmata e ha tendenza a voler tenerci nella nostra zona di confort, non ci stiamo tanto bene, brontoliamo anche, però la conosciamo, abbiamo le nostre sicurezze.

Dunque quando si presenta un opportunità di cambiamento appaiono un sacco di resistenze con tutte le argomentazioni possibile inimmaginabili per convincerci che questa strada non ne vale la pena, o che non è il momento, non ho tempo, non ho soldi, peccato ho altre cose da fare, non voglio lavorare in gruppo, è troppo lontano…

Capisco che ci sia bisogno di un atto di coraggio e di determinazione per ribellarsi a questa camiciole di forza mentale.

Allora: se esiti, Vieni!

Presso HAMMAMI OLIS, martedì 25 ottobre, si tiene il seminario “Obiettivo pesoforma, perdere peso con naturalezza. Dimagrire senza forzature si può” della Dott. Ott. Se ti interessa partecipare ai prossimi seminari, ti consigliamo di iscriverti alla pagina Facebook di HAMMAMI OLIS, oppure di consultare la pagina degli EVENTI di HAMMAMI OLIS.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento