Sei qui
I pensieri, non le circostanze, sono la causa dello stress Olismo 

I pensieri, non le circostanze, sono la causa dello stress

No ai pensieri negativi: i pensieri, non le circostanze, sono la causa dello stress. Da diversi anni si sta affermano sempre più spesso, anche da noi occidentali, che solitamente siamo molto restii a certi pensieri filosofici-orientaleggianti, la credenza che i pensieri negativi attirino situazioni negative e viceversa che quelli positivi aiutino ad attrarre nella nostra vita cose piacevoli.

C’è chi sostiene che la nostra mente mente (voce del verbo mentire), ma se vogliamo possiamo trasformarla nel nostro mago della lampada di Aladino, con la quale possiamo trasformare i nostri sogni in desideri reali.

Io trovo che sia fantastico e se anche non sono più in una bambina che crede nell’esistenza di Babbo Natale, ci voglio credere almeno un pochino e ci voglio provare. La meditazione aiuta a zittire la nostra mente (e non è proprio semplice), poi però ancora più difficile per una persona non abituata, è abituarla a pensieri positivi. Inoltre ci può sembrare facile se tentiamo di farlo in vacanza, seduti rilassati difronte al mare o alla montagna. Non lo è sicuramente nella vita di tutti i giorni, ma è comunque possibile e una volta iniziata la strada in salita ci troviamo la discesa.

Pertanto propongo ALCUNE RIFLESSIONI SUL TEMA e consiglio di ascoltare le affermazioni positive di Louis Hay che si trovano facilmente su you tube.

I pensieri negativi innescano una reazione di stress nell’organismo e creano una resistenza alla gioia, alla felicità, e all’abbondanza, che desideriamo attirare nella nostra vita.

Non occorre avere un motivo per sentirsi felici, desiderarlo è più che sufficiente. Possiamo essere felici non tanto perché nel mondo le cose vanno per il verso giusto, ma perché nel vostro mondo le cose andranno per il verso giusto proprio perché voi state bene.

Qualunque cosa ci neghi il permesso di essere felici è un ostacolo costruito da noi.

Osservare il passato come un palcoscenico vi libera da quei sentimenti di rimpianto, dispiacere, e perfino rabbia, che non fanno che caricarvi di energie deboli.

Cercate di far coincidere i vostri pensieri con l’abbondanza della mente e siate prodighi di doni: attirerete su di voi tutto ciò che intendete realizzare. Cambiare personalità, cessando di essere perennemente risentiti, pessimisti, arrabbiati, cupi e sgradevoli, e trasformarsi in persone appassionate, ottimiste, allegre, benevole e comprensive è spesso la mossa vincente.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento