Massaggio con unguenti ai fiori di BachBenessere 

Massaggio con unguenti ai fiori di Bach

Uno degli ultimi ritrovati della medicina olistica per il benessere psicofisico è il massaggio con i fiori di Bach, che combina la cura omeopatica dei famosi fiori ideati dal dottor Bach con tecniche di manipolazione del corpo che vengono dalla digitopressione, dall’ayurveda, dal massaggio metamorfico e dalla craniosacrale.

Si tratta di un tipo di massaggio che permette di curare vari disturbi di natura psicosomatica in modo dolce, sbloccando i canali energetici con l’aiuto dei fiori per ripristinare il benessere.

Gli Unguenti bio ai Fiori di Bach si possono utilizzare ogni volta che uno stato d’animo negativo stravolge la nostra armonia interiore, alterando l’equilibrio del nostro corpo.

Si può scegliere il massaggio utilizzando una tra le 7 tipologie differenti, a seconda della miscela di essenze floreali contenute.

  • EQUILIBRIO: blocchi inconsci stress e angoscia – infiammazioni e gonfiori
  • FELICITA’: tristezza, solitudine e rancore – logoramento fisico e rigidità nei movimenti
  • FIDUCIA: influenzabilità, sfiducia in se stessi e resa – atonicità muscolare con tendenza al prolasso
  • SERENITA’: tormento, irritazione e senso di tendenza bulimica e postura rigida
  • PUREZZA ARMONIA: durezza, autoritarismo rabbioso e ossessioni – stasi linfatica e alterazioni dermatologiche
  • FORZA: sfinimento, energia e assenza emotiva – esaurimento fisico e nervoso
  • DISTENSIONE: tensione da sensibilità sensoriale e senso eccessivo del giudizio – dolori muscolari

Indicati per il massaggio funzionale lungo i merdiani, per le frizioni a livello muscolare, per impacchi lenitivi e applicazioni rigeneranti della pelle del corpo e del viso, gli Unguenti bio ai Fiori di Bach sono particolarmente efficaci grazie ad una tecnologia di attivazione enzimatica innovativa applicata alle materie prime contenute per ottenere fitocomplessi altamente dinamici, assorbibili, biodisponibili e dall’alto potere antiossidante.

E’ un massaggio a due, operatore e cliente; va fatto in studio o comunque in un luogo accogliente. Dopo un colloquio iniziale volto alla comprensione dei fiori da utilizzare il cliente si sveste e – avvolgendosi con un telo – sotto rimane completamente nudo o solo con uno slip da massaggio. Seduto sul lettino, avvolto dal telo, viene a contatto manuale; con l’ operatore che attraverso una tecnica specifica lo resetta dal mondo esterno, indi lo invita a sdraiarsi in posizione prona. A questo punto il cliente – fino ad allora ricoperto dal telo – viene scoperto e ricoperto a zone nei tratti da massaggiare, man mano che il tutto procede lungo: i singoli arti, la schiena, il collo, il viso, il torace, la pancia, ecc. Prima di rivestirsi e tornare alla normale vita quotidiana viene consigliata una breve pausa di rilassamento e assimilazione, dopo di che il cliente si riveste tassativamente senza fare la doccia. Ciò è possibile perché gli oli e creme utilizzate non ungono, si asciugano immediatamente e consentono di tenere i fiori sulla pelle come atto terapeutico importante. In genere si utilizzano gli oli per massaggiare il corpo e le creme per massaggiare il viso.

Il massaggio termina dopo circa 50 minuti con tocchi delicati su alcuni punti del viso, sempre con tecniche prese in prestito e rielaborate dalla medicina orientale, che stimolano e seguono le corrispondenze delle parti del viso con gli organi interni.

Il massaggio con i Fiori di Bach è una tecnica di massaggio molto dolce, composta perlopiù da sfioramenti delicati ma efficaci. Chi lo prova avverte subitaneamente la rilassatezza derivante dal massaggio: la tensione e lo stress che danno luogo a tanti dolori e tensioni muscolari svaniscono. Anche l’umore trae giovamento dalla sensazione di relax, mettendo la persona in uno stato d’animo molto più sereno.

E’ importante instaurare un rapporto diretto con il terapeuta che effettuerà il massaggio, in modo da poter intervenire sui blocchi psicosomatici che impediscono una vita serena.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento