Sei qui
Indian taste: le 5 spezie fondamentali della cucina ayurvedica Alimentazione 

Indian taste: le 5 spezie fondamentali della cucina ayurvedica

La cucina Indiana è assai speziata e profumata, unica nel suo genere.

Secondo l’ayurveda, infatti, il cibo riveste una funzione primaria per il benessere dell’uomo, motivo per il quale questo argomento viene trattato in maniera globale e accurata.

Oggi vi svelerò i segreti e le proprietà delle 5 spezie più usate.

CORIANDOLO (Dhania). Il seme di coriandolo aiuta l’assimilazione di altre erbe e spezie utilizzate durante la cottura. Armonizza tutti i tre dosha, questa spezia è famosa in Ayurveda per corpo e alla mente. È anche utile nei disturbi digestivi, respiratori e urinari, così come per il trattamento di disturbi della pelle causate dall’aggravamento di Pitta.

ZENZERO (Adrak). Una spezia insostituibile in ogni cucina, lo zenzero porta sapore e piccante al cibo ed è ampiamente utilizzata come digestivo. Assai conosciuto dalla “medicina universale” per le sue proprietà curative, lo zenzero è un ottimo rimedio per i problemi respiratori causati dall’aggravamento di Kapha e Vata.

CUMINO (Jeera). Il cumino è conosciuto per le sue qualità aromatiche. Questa spezia è usata come stimolante per i disturbi digestivi e anche come antisettico. Migliora anche il funzionamento del fegato e del pancreas, e consente al corpo di pulire le tossine accumulate.

FIENO GRECO (Methi). Il fieno greco è molto prezioso per le sue proprietà curative. Infatti, è utile nel trattamento di disturbi digestivi, di disturbi respiratori, nervosi, e mestruali, nonché purifica la pelle e facilita la perdita di peso. Bere acqua impregnata con semi di fieno greco lasciati durante tutta la notte aiuta a ridurre i livelli di zucchero nel sangue nel corpo.

CURCUMA (Haldi). È lo zafferano indiano, di gusto amaro, astringente e piccante. È noto da secoli per le sue numerose qualità terapeutiche, tra cui quelle anti-ossidanti, quelle anti-infiammatorie e anti-settiche. Inoltre, migliora il metabolismo e aiuta l’organismo a bruciare i grassi.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento