Il potere dell'ozioPsicologia 

Il potere dell’ozio

C’era chi sosteneva che “l’ozio è il padre di tutti i vizi” ma anche chi sosteneva invece che “l’odio è il padre di ogni idea geniale”.

A parlare è la scienza:per essere creativa, efficiente, carica di energie e pronta per nuove esperienze hai bisogno di riposo. Infatti durante il riposo il cervello mette in atto una sorta di “potatura delle sinapsi” , eliminando i pensieri superflui  e conservando ciò che per noi è utile.

I ritmi frenetici ci conducono su vie imperverse dove i risultati che otteniamo non sono mai abbastanza e ci portano a domandarci se avremmo dovuto fare di più. Ma forse la risposta è che avremmo dovuto fare di meno e oziare riposandoci un po’ di più.

La tendenza all iperattività riguarda tutti, uomini, donne, adulti, adolescenti, bambini, scrive l’autrice Marcella Danon nel suo libro ‘Il potere del riposo’ . Non dimentichiamo che le risorse hanno un limite . Ognuno ha un suo budget energetico che si rinnova quotidianamente e periodicamente grazie al riposo notturno , allo svago, ai momenti di relax, alla pratica di un hobby e alle vacanze.

L’adrenalina  da stress causa assuefazione e ci fa credere che più cose faremo più successo avremo, ma questa condizione mette il nostro organismo in uno stato di costante emergenza tanto da permetterci il recupero indispensabile.

Chi dorme non piglia pesci?

Il journal of Sleep Research ha pubblicato uno studio che conferma che il sonno riattiva le centraline fisiche e ci so se te di affrontare nuove sfide, aumentando le prestazioni cognitive.

Se siamo perennemente guidati dal senso del dovere , da obblighi a cui sottostare, da persone e cose che dipendono solo da noi, bene allora questo è il momento giusto per FERMARSI. Vivere il QUI E ORA per i buddisti significa fermarsi ed assaporare il presente.

Spesso la risposta a questa richiesta è ‘non posso ho troppe cose da fare’.

Io personalmente quando mi ritrovo in questa fase parto X tre giorni e vado a Marrakech. È come metto piede a terra assaporo i suoni, i profumi, i colori e mi lascio inebriare da tutte queste sensazioni a tale punto che la mente si salma, il flusso dei pensieri allarmanti si placa, e non ricordo nemmeno più le ragioni per cui mi sentivo in ansia. Tutto appare sotto una prospettiva diversa. Ma è sufficiente a volte fermarsi ed ascoltare i profumi che ci circondano, guardare il cielo ed il sole, oppure le foglie e ascoltare la pioggia.

Permettiamo dunque all’apparenza inutilità dell’odio, di farci recuperare serenità ed energie.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento