Buonumore, divertimento e autostima con la danza del ventreBenessere 

Buonumore, divertimento e autostima con la danza del ventre

Perché provare una lezione di danza: si socializza tra donne e ci si diverte, è un’attività rilassante che dona buon umore ed aumenta l’autostima, aiuta la memoria e la coordinazione, corregge la postura e migliora il portamento, tonifica la muscolatura in particolare modo gli addominali e stimola la circolazione.

La Danza Orientale (Danza del Ventre) ha origini antichissime. Praticata inizialmente durante i culti della fertilità, come quello della Dea Madre. Col tempo assume diversi altri significati ma resta comunque un’arte sofisticata e gioiosa praticata dalle donne del Medio-Oriente e di tutto il mondo.

Perché provare una lezione di danza: si socializza tra donne e ci si diverte, è un’attività rilassante che dona buon umore ed aumenta l’autostima, aiuta la memoria e la coordinazione, corregge la postura e migliora il portamento, tonifica la muscolatura in particolare modo gli addominali e stimola la circolazione.
Si pratica a qualunque età, con qualsiasi fisico e non serve nessuna esperienza di danza.

A lezione indossare fuseax, pantacollant o una gonna larga, con un foulard o un pareo legato sui fianchi. Un top o maglietta aderente, calzine di cotone ai piedi oppure scarpette di danza per chi le possiede.

Insegnante Jessica Faustinelli diplomata Aid&a dal 2015, ha sempre avuto la passione per la danza, nel 2007 si è avvicinata alla danza orientale.

Segue da 10 anni lezioni settimanali con Laura Cernigliaro ed ha sempre approfondito la tecnica orientale e fusion con maestri di fama nazionale ed internazionale: Wael Mansour, Saad Ismail, Khaled Mahmoud, Helene from Norway, Sharon Kihara, Jillina Carlano, Patrizia Pin, Tiziana Tribal, Alice Giampieri.

Ciao,
Jessica.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento